danny block notes

domenica, 8 giugno 2008

Installare VMWare Player in Ubuntu 8.04 Hardy Heron (aggiornato)

Testato con la versione versione 2.0.3-80004 di VMWare Player. Per la versione 2.0.4 leggere in fondo.

  1. Installiamo questi pacchetti con il comando :
    sudo aptitude -P install build-essential linux-kernel-headers linux-kernel-devel
  2. Creiamo e posizioniamoci in una cartella di lavoro che alla fine potremo eliminare (per esempio sulla scrivania) ;
  3. Scaricate nella cartella il pacchetto VMware-player-2.0.3-80004.i386.tar.gz direttamente dal sito vmware.com ;
  4. scompattiamo l’archivio del player e lanciamo lo script di installazione :
    tar -xzvf VMware-player-2.0.3-80004.i386.tar.gz
    cd vmware-player-distrib/
    sudo ./vmware-install.pl
  5. premere ad ogni richiesta INVIO in modo da accettare la configurazione di default.
  6. ignorare il messaggio di errore ricevuto, risolveremo il problema con la seguente patch :
    wget http://xmi.pl/kernel/vmware-any-any-update-116.tgz
    tar -xzvf vmware-any-any-update-116.tgz
    cd vmware-any-any-update116/
    sudo ./runme.pl
  7. continuerà l’installazione e come al solito premere INVIO per installare con le opzioni di default.
  8. se tutto è andato a buon fine sarà possibile lanciare vmware player con il comando
    vmplayer

AGGIORNAMENTO :

eseguendo gli aggiornamenti automatici di ubuntu, in particolare gli update che riguardano il kernel 2.6.24-17( o 18), il player molto probabilmente non funzionerà più.

Per rimediare, un modo veloce è quello di disinstallare vmware e reinstallarlo.

Qui di seguito sono riportare 2 diverse procedure a seconda se si vuole reinstallare la versione 2.0.3 ola più recente 2.0.4 .

Disinstallazione e re-installazione di vmware player 2.0.3 :

  1. per disinstallare basta lanciare da shell il comando
    sudo vmware-uninstall.pl
  2. ripetere l’installazione partendo dal punto 2 della guida iniziale.

Disinstallazione e re-installazione di vmware player 2.0.4 :

  1. per disinstallare basta lanciare da shell il comando
    sudo vmware-uninstall.pl
  2. creiamo e posizioniamoci in una cartella di lavoro che alla fine potremo eliminare (per esempio sulla scrivania) ;
  3. scaricate nella cartella il pacchetto VMware-player-2.0.4-93057.i386 direttamente dal sito vmware.com ;
  4. scompattiamo l’archivio del player e lanciamo lo script di installazione :
    tar -xzvf VMware-player-2.0.4-93057.i386.tar.gz
    cd vmware-player-distrib/
    sudo ./vmware-install.pl
  5. premere ad ogni richiesta INVIO in modo da accettare la configurazione di default.
  6. se tutto è andato a buon fine sarà possibile lanciare vmware player con il comando
    vmplayer

Note :

Ho notato che questa versione di vmware player in accoppiata al kernel 2.6.24-18 non necessita di patch e quindi l’installazione prosegue senza problemi fino alla fine.

Se al contrario durante l’installazione ricevete un messaggio di errore potrebbe essere necessario utilizzare la patch, e quindi proseguire l’installazione come da punto 6 della guida iniziale.

Non avendolo testato consiglio, prima di tentare con la patch, di aggiornare ubuntu alle ultime versioni di kernel (ad oggi la 2.6.24-18 ) e di ripetere la re-installazione.

Annunci

lunedì, 2 giugno 2008

GmailFS – Gmail come disco remoto in Ubuntu

Filed under: 8.04 Hardy Heron,linux,ubuntu — danny @ 11:33 am
Tags: ,

Testato su Ubuntu 8.04 Herdy Haron.

A differenza della guida ufficiale, vediamo come utilizzare gmailfs come utenti normali e non come root.

In questo modo non si riceverà più il fastidioso messaggio “ignored option rw” ogni volta che monteremo il disco remoto.

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

  1. installiamo gmailFS :
    sudo apt-get install gmailfs
  2. creiamo nella home utente la cartella dove andremo a montare il drive. la chiamo per esempio gmail :
    mkdir ~/gmail
  3. copiamo il file di configurazione nella cartella utente ed apriamolo per modificarlo :
    cp /etc/gmailfs/gmailfs.conf ~/.gmailfs.conf
    gedit ~/.gmailfs.conf
  4. modifichiamo le voci username, password inserendo la user (senza @gmail.com) e la password dell’account gmail. Inoltre dare un nome al filesysstem modificando il campo fsname, questo è utile se si vogliono avere diversi filesystem virtuali nello stesso account. Esempio :
    [account]
    username = pippo
    password = pluto
    
    [filesystem]
    fsname = drive_principale
  5. salviamo e chiudiamo il file.

A questo punto gmailFS è configurato. Ogni volta che vogliamo utilizzare il drive basta dare i seguenti comandi :

MONTAGGIO

/sbin/mount.gmailfs /usr/bin/gmailfs.py ~/gmail/

SMONTAGGIO

fusermount -u ~/gmail/

oppure come al solito da root :

sudo umount ~/gmail/

lunedì, 19 maggio 2008

Ubuntu 8.04 e Broadcom Wireless BCM4312 (rev 02)

Filed under: 8.04 Hardy Heron,linux,ubuntu — danny @ 7:43 pm
Tags: , , , , , ,

Testato su HP 6720s.

Verificare sempre che la vostra scheda di rete wifi sia effettivamente una Broadcom BCM4312.
Per farlo digitate da terminale

lspci | grep Broadcom\ Corporation

Se così è installiamo la scheda…

  1. Creiamo e posizioniamoci in una cartella di lavoro che alla fine potremo eliminare, per esempio :
    mkdir ~/bcm43xx; cd ~/bcm43xx
  2. Scarichiamo ora il driver windows e scompattiamolo :
    wget ftp://ftp.compaq.com/pub/softpaq/sp34001-34500/sp34152.exe
    sudo apt-get install cabextract
    cabextract sp34152.exe
  3. Digitiamo ora i seguenti comandi :
    echo 'blacklist bcm43xx' | sudo tee -a /etc/modprobe.d/blacklist
    sudo apt-get install ndiswrapper-utils-1.9
    sudo ndiswrapper -i bcmwl5.inf
    ndiswrapper -l
    sudo depmod -a
    sudo modprobe ndiswrapper
    sudo cp /etc/network/interfaces /etc/network/interfaces.orig
    echo -e 'auto lo\niface lo inet loopback\n' | sudo tee /etc/network/interfaces
    sudo ndiswrapper -m
    echo 'ndiswrapper' | sudo tee -a /etc/modules
    echo 'ENABLED=0' | sudo tee -a /etc/default/wpasupplicant
    sudo aptitude remove b43-fwcutter
  4. La riga seguente vale per Gnome, se usate KDE, Xfce o altro utilizzate il vostro editor di testo (es. kate,mousepad,…)
    sudo gedit /etc/init.d/wirelessfix.sh
  5. Incollare le seguenti righe nel file appena creato e aperto :
    #!/bin/bash
    modprobe -r b44
    modprobe -r b43
    modprobe -r b43legacy
    modprobe -r ssb
    modprobe -r ndiswrapper
    modprobe ndiswrapper
    modprobe b44
  6. Salviamo, chiudiamo il file ed eseguiamo gli ultimi  comandi :
    cd /etc/init.d/ && sudo chmod 755 wirelessfix.sh
    sudo update-rc.d wirelessfix.sh defaults
    
  7. Riavviare il computer

sabato, 10 maggio 2008

Immagini per VMware Player

Filed under: linux,ubuntu,virtualizzazione — danny @ 3:39 pm
Tags: , , , , , , ,

dTestBootDisk

Minimale virtual machine utile per testare dischi live scaricati (es. disribuzioni linux).

Funzionamento :

Se è presente un cd di boot nel lettore allora il sistema si avvierà con quello.

Altrimenti andrà a caricare un immagine “cd.iso” che dovrà essere presente nella stessa cartella del file dTestBootDisc.vmx (basta rinominare una iso esistente).

Caratteristiche :

hdd 4.7 gb (max)
ram 192 mb
cdrom1 : fisico
cdrom2 : immagine da rinominare in “cd.iso”
network : nat
altro : usb, sound

dUbuntuVM , dLinuxVM , dWindowsVM

Tre Virtual Machines pronte ed ottimizzate per installarci Ubuntu, Linux o Windows.

Funzionamento :

Per partire con l’installazione è sufficiente, prima di lanciare l’immagine, di inserire nel lettore cd/dvd principale il disco del sistema operativo; oppure se si dispone dell’immagine in formato .ISO basta rinominarla in “cd.iso” e metterla nella cartella della virtual machine (dove è contenuto il file .vmx).

Caratteristiche :

hdd 10 gb (max)
ram 320 mb
cdrom1 : fisico
cdrom2 : immagine da rinominare in “cd.iso”
network : bridged
altro : usb, sound

Blog su WordPress.com.